Andela, la startup finanziata da Facebook, Google e Twitter

Postato il Aggiornato il

Andela è una startup africana  con sede nel Lagos e a New York che ha l’ambizioso obiettivo di dar vita a una generazione di programmatori africani, cercandoli tra la popolazione locale e dando loro la possibilità di studiare con il supporto dalle aziende che hanno deciso di investire nella startup.

A-001.jpgSi chiama Andela e insegna coding ai ragazzi con un programma di 4 anni, garantendo loro uno stipendio. Un ponte per connettere i migliori talenti africani del coding con il mercato globale. Ecco la mission di Andela, una startup africana con sede nel Lagos e a New York, che ha appena ottenuto un finanziamento di 24 milioni di dollari dalla fondazione Zuckerberg Chan Initiative. Questo investimento rappresenta la principale iniziativa intrapresa dalla fondazione del padre di Facebook nell’ambito del programma inaugurato con la nascita della figlia, che vuole supportare progetti di tipo umanitario.

Ma non è stato solo il creatore di Facebook a credere in questo progetto: durante il primo round di finanziamenti anche Google Venture, Twitter Investor Spark Capital, San Francisco-based Learn Capital e Omydiar Network avevano puntato sulla startup. L’ambizioso obiettivo di Andela è quella di creare una nuova generazione di programmatori africani, procacciando talenti locali e permettendogli di studiare supportati dalle aziende che hanno deciso di investire nella startup. Il percorso formativo dura quattro anni: durante i primi sei mesi i ragazzi apprendono le basi della programmazione e nei restanti tre anni e mezzo iniziano a mettere le mani in pasta, lavorando a distanza con le aziende tech che hanno pagato i loro percorsi formativi.

I giovani che vengono reclutati spesso non hanno mai avuto contatti con la tecnologia, a volte non hanno mai avuto occasione di tenere tra le mani uno smartphone. Il percorso promosso da Andela non solo garantisce loro una formazione informatica, ma li retribuisce per i quattro anni di scuola. Per ora, la startup ha due scuole, in Nigeria e in Kenya; il finanziamento appena ottenuto potrebbe essere usato per l’apertura della terza sede.

FONTE: wired.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...