Può esistere un’intelligenza artificiale orientata al bene comune?

Postato il Aggiornato il

Vita è un mensile che tratta i temi del volontariato, della sostenibilità economica e ambientale e, in generale, del mondo non profit. Nel numero di giugno approfondisce un fenomeno che interessa da vicino l’Italia: l’incontro tra l’hi-tech e i nuovi servizi di cura, ponendo al non profit un importante quesito “può esistere un’intelligenza artificiale orientata al bene comune?”

robot-3385181_1920

Nel mezzo della rivoluzione tecnologica che sta attraversando le nostre vite ed entrando nelle nostre case, gli esperti ci dicono che entro la conclusione del prossimo anno saranno 42 milioni i robot di servizio e assistenza domestica venduti nel mondo, c’è un aspetto che è rimasto sotto il filo dell’acqua della narrazione su hi-tech, intelligenza artificiale e robotica: quali sono i punti di contatto di questa ondata iper tecnologica nata sulle colline della silicon valley con la ristrutturazione dei servizi di welfare e caring sempre più necessaria (la spesa per l’autosufficienza è aumentata del 21% in 10 anni, mentre le badanti in nero hanno superato quota un milione, solo per dare due dati)?
E più in generale quale deve essere il ruolo dei corpi intermedi in questa fase storica? Possiamo pensare, come titolava un recente incontro alle Nazioni Unite, che ha visto tra i suoi protagonisti sir Roger Penrose, a un’Artificial Inteligence for Good, un’intelligenza artificiale orientata al bene comune? Oppure tutto è collocato in uno scenario di lunga deriva dove le tecnoscienze avranno l’ultima parola sull’uomo e sulla sua domanda di senso? Vita col numero che trovare in distribuzione dal fine settimana ha iniziato a porre la questione, aprendo il dibattito. Così abbiamo coinvolto, alcuni fra gli esperti con maggiore sensibilità ai risvolti (filosofici, antropologici, etici e sociali) della questione. Una riflessione d’ampio respiro che parte da un’inchiesta firmata da Sara De Carli sui nuovi hub della cura digitale dove ambienti virtuali, realtà aumentata, robotica e intelligenza artificiale stanno riscrivendo i modelli di intervento socio-sanitari.
Index giugno 2018

Il sommario del numero di giugno

 

“Non profit ad alta tecnologia” è invece il titolo del secondo capitolo del book, dove diamo conto dell’esperienze più innovative di co-progettazione e co-produzione di servizi di welfare hi-tech fra gli enti del Terzo settore e poli di ricerca più all’avanguardia.

Infine nel capitolo III (Artificiale vs Naturale) abbiamo messo a confronto due giganti del pensiero contemporaneo: il filosofo Emanuele Severino e il fisico Roger Penrose. Un dibattito che con l’aiuto diPaolo BenantiStefano ZamagniMario RasettiFlaviano Zandonai Cédric Villani si è sviluppato lungo cinque direttrici: etica, società civile, lavoro, innovazione e sanità.

 

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...